Cultura e spettacolo | Scritto da 8 maggio 2012

Ecomuseo del Carapelle: la mappa delle ‘identità dei territori’

Ortanova, Ascoli Satriano, Carapelle, Ordona, Stornara e Stornarella i comuni che hanno disegnato la mappa di Comunità dell’Ecomuseo della Valle del Carapelle, una vera e propria mappa che raccoglie luoghi fisici e luoghi del cuore, una rappresentazione di quella che viene definita ‘identità dei territori’.

Ecomuseo del Carapelle

‘Raccontare il paesaggio’ è il titolo dell’incontro con il quale sarà presentato il frutto del lungo lavoro che ha coinvolto i sei Comuni della Provincia di Foggia.

L’incontro si terrà nella sede dell’Unione dei Cinque Reali Siti ad Ortanova, verrà presentata la mappa in originale e le copie stampate che ne sono state ricavate.

Di cosa parliamo? Dell’Ecomuseo della Valle del Carapelle, che è tra i progetti pilota del Piano Paesaggistico Regionale in Provincia di Foggia, una vera e propria mappa in cui sono rappresentati luoghi fisici e luoghi del cuore, usanze e tipicità, quasi una rappresentazione di quella che viene definita ‘identità dei territori’.

Il lavoro che ha coinvolto, mediante un’articolata serie di incontri, i cittadini di Ascoli Satriano, Ortanova, Ordona, Carapelle, Stornara e Stornarella, ha dato vita alla prima ‘mappa di comunità’ partecipata realizzata in Capitanata.

Un elaborato che è il frutto di un processo collettivo con cui gli abitanti del bacino del Carapelle hanno individuato e interpretato luoghi, segni, testimonianze, oggetti e saperi in cui si riconoscono.

Alla traduzione grafica dei dati raccolti negli incontri, mediati da Annalisa di Zanni, Anna Introna e Maria Fortino, hanno contribuito i disegnatori dei sei comuni: Aldo Brancone, Elia Di Tuccio, Maria Incoronata Grillo, Clara La Pace, Angela Mastropietro, Sara Ripandelli e Anna Trecca. Il risultato è un lavoro di elevata qualità artistica e intrinseco valore culturale.

La ‘mappa di comunità’ è la base di un ecomuseo che non è un edificio con una sede fisica, nè serve per l’esposizione di oggetti, ma raccoglie le testimonianze di chi vive o ha vissuto in un certo luogo, ne conserva la memoria storica e ne possiede quindi una mappa ‘affettiva’, quella che mantiene vivo il genius loci.

Per realizzare la mappa di comunità della Valle del Carapelle sono state organizzate decine di riunioni operative nel corso di quasi un anno e mezzo, in cui si sono affrontati vari argomenti: dalle famiglie ai personaggi, dai toponimi dialettali al cibo, dalle feste ai mestieri, dai giochi ai racconti sino alle leggende.

Tutto lungo il filo conduttore del fiume Carapelle che attraversa la valle, la mappa, e la storia di questi luoghi. L’iniziativa è partita nel 2009 dall’Università degli Studi di Foggia in accordo con la Regione Puglia – Assessorato all’Assetto del Territorio, la Provincia di Foggia, l’Unione dei Cinque Reali Siti più il Comune di Ascoli Satriano.

All’incontro parteciperanno l’assessore regionale all’Assetto del territorio, Angela Barbanente, il rettore dell’Università degli Studi di Foggia, Giuliano Volpe, il responsabile del progetto sperimentale ‘Mappe di Comunità’ del Pptr, Francesco Baratti.

Interverranno anche le coordinatrici del progetto: Maria Fortino, Anna Introna e Annalisa Di Zanni, il sindaco di Ortanova e vice-presidente dell’Unione, Maria Rosaria Calvio, porteranno inoltre i loro saluti i referenti dei sei comuni coinvolti nel progetto e della Provincia di Foggia.

Laura Zotti

Eventi in programma

    Vedi tutti gli eventi >>

    URL breve: http://foggia.ilquotidianoitaliano.it/?p=8638

    Scritto da il mag 8 2012. Registrato sotto Cultura e spettacolo. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

    Scrivi una replica

    Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

    Cerca nell'archivio

    Cerca per data
    Cerca per Rubrica
    Cerca con Google

    Cerchi lavoro?

    InfoJobs - 120x600_IJIT_blue

    Consigliati da noi

    Galleria fotografica

    Collegati | Designed by Roberto Antonacci, siti Web a Bari - freelance web designer